logo
    Sport
    14 Giugno 2024
    ATP 25O Stoccarda. Battuto pure Duckworth, Berrettini in semifinale: domani derby azzurro con Musetti
    Per il capitolino continuità 28 ore dopo Shapovalov: sette su sette, ancora trionfo sull'erba tedesca. Domani derby italiano.

    Continuità fisica. Finalmente. Matteo Berrettini torna in semifinale sull’erba. Lo fa in uno dei giardini di casa della sua tradizione, quella Stoccarda dove vinse già due anni fa, così come nel 2019, centrando dunque la sua settima semifinale in altrettante occasioni su prato, esaltando le sue caratteristiche. Una vittoria, stavolta quella con l’australiano Duckworth, che significa parecchio dal punto di vista proprio prettamente fisica, in quanto giunta a sole ventiquattro ore di distanza dal successo con rognoso canadese Shapovalov. Stavolta rivale battuto sempre in due set ma con più fatica: prima sempre 6-4, stesso punteggio d’entrambi i parziali di ieri, poi chiusura finale sul 7-5. Adesso dovrà solo riposarsi perché ad attenderlo ci sarà il derby azzurro, scherzo di destino e calendario: quello Lorenzo Musetti, in campo nel tardo pomeriggio del venerdì con Bublik e già passato al turno successivo e decisamente più riposato di Berrettini, complice ritiro a gara in corso dell’avversario. Domani sarà tempo di semifinali, domenica finali. Un tour de force, test fisicamente impegnativi, proprio quello di cui Matteo aveva bisogno in questo momento: dopo aver saltato Roma, puntando Wimbledon. E può ambire ad un altro ATP 250, che significherebbe senz’altro calare il tris a Stoccarda, ma soprattutto bissare l’altro successo stagionale, quello di Marrakech, arrivato all’interno dell’ennesima stagione fisicamente complicatissima. Classe da vendere. Matteo c’è. E non vuole mollare.