logo
    Sport
    9 Luglio 2024
    Euro 2024, l’ennesima notte delle Furie Rosse: fuori pure la Francia, Spagna prima finalista

    La Spagna ha ricostruito, eccome. Tra le grandi, è quella che esprime meglio. Espressione, armonia, palleggio. Insomma, le sue caratteristiche dell’era d’oro. Ritrovate a grandi livelli. In questo momento il vento spira Furie Rosse, quel vento tedesco, stavolta a Monaco di Baviera, quello che ha rispedito la balbettante Francia di Deschamps a Parigi, tanti tenori ma stavolta ben poco orchestra. E pensare che la gara era iniziata esattamente come Didier desiderava: giocata di Mbappé, colpo di testa a sbloccare di Kolo Muani, che poi si rivelerà come sempre uno dei più deludenti, tremendamente impalpabile per il resto della gara. La Spagna ha merito di non disunirsi, ma a togliere castagne dal fuoco e rimettere tutto in parità ci pensa il nuovo funambolo planetario: Yamal, nemmeno 17 anni, gol spaziale da 25 metri a Maignan, a far esplodere una panchina che si rivelerà da gruppo vero un’altra ricchezza di questa Spagna stasera più che mai ad un passo dal trono. Rodri è tutto, Fabian internazionale, Yamal e Nico ali presenti, future e future anteriori; ma c’è un altro maghetto là in mezzo, quello che da solo soli pochi mesi fa spaventava Madrid e Bernabeu, quel Dani Olmo che in mezzo alla rocciosa difesa transalpina sigla sorpasso e 2-1 con cui si va all’intervallo. Nella ripresa la Spagna gestisce, mostra gruppo e solidità, concetto senza il quale sarebbe sempre impossibile raggiungere traguardi e vette del genere. La Francia prova di fisico e di Mbappé: diverse occasioni, alcune anche nitide, ma niente da fare. Alla Munich Arena è finale: 2-1 Furie Rosse. Musi lunghi e dittatura del contestato Deschamps che rischia di volgere al termine: dopo 12 anni al rientro in patria le critiche dei suoi dissidenti saranno rumorose, eccome. Dall’altra parte De la Fuente, chi conosce movimento Furie Rosse in ogni suo poro dopo un percorso iconografico e pluriennale in tutto il settore giovanile, non sbaglia nulla, nemmeno strategicamente e vola meritatamente in finale: triplice fischio, la Spagna è la prima finalista di Euro 2024. Dopo aver dominato un girone, battuto la Germania, battuto la Francia. E’ lei la superstite della parte del tabellone megagalattica. E adesso non deve far altro che aspettare i risultato di Dortmund, quello di domani sera tra Olanda e Inghilterra. Poi finalmente Berlino: comunque vada, da favorita.